Danneggiato da violazioni accertate dall'autorità antitrust?

L'impresa dalla quale ti rifornisci ha aumentato i suoi prezzi perché ha preso parte ad un cartello oppure perché ha abusato del suo potere di mercato?

Ogni persona fisica o giuridica (consumatori, imprese e pubbliche autorità) che ha subito un danno causato da una violazione delle norme antitrust può chiedere il risarcimento.
Il diritto al risarcimento è riconosciuto indipendentemente dall'esistenza di un rapporto contrattuale diretto con l'impresa autrice della violazione (esempio) e comprende il danno diretto subito (danno emergente), il mancato guadagno (lucro cessante) e gli interessi.


Hai firmato delle condizioni generali di contratto che richiedono il pagamento di somme sulla base di clausole abusive e vessatorie?

Sono vessatorie quelle clausole - inserite in condizioni generali di contratto o moduli, modelli e formulari - che determinano a sfavore del consumatore un significativo squilibrio nei diritti e negli obblighi (esempi).
Ogni persona fisica che in qualità di consumatore ha subito un danno causato dall’applicazione in suo sfavore di una clausola vessatoria può chiedere il risarcimento, fondando la sua richiesta su un provvedimento emesso dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. La pronuncia dell’Autorità (che può accertare la vessatorietà delle clausole attivandosi d’ufficio o su segnalazione) potrà concorrere a fondare la domanda di danni formulata dinnanzi ai tribunali ordinari.

CONTATTACI
info@risarcimentok.it

Si riportano di seguito i casi più recenti. Una decisione della Commissione o un provvedimento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato possono costituire il presupposto per il risarcimento del danno.

Ultimi casi

Troppo alte le commissioni per i pagamenti ACI eseguiti con Bollonet - 14/12/2016

L'Autorità Antitrust ha sanzionato l'ACI perché applicano una commissione aggiuntiva di 1,87 euro ai consumatori che pagano la tassa automobilistica con carta di credito o bancomat.In particolare, il servizio di pagamento online del bollo auto sul sito di ACI www.aci.it (cosiddetto Bollonet) prevede una maggiorazione del 1,2% sulla somma pagata per l’utilizzo della carta di credito. Per il pagamento con bancomat presso le delegazioni ACI dislocate sul territorio,...

Indagine sul mercato secondario dei biglietti per concerti - 10/12/2016

L'Autorità Antitrust sta indagando sulla sostanziale impossibilità di acquistare, anche all’apertura delle vendite, biglietti per gli eventi di maggior richiamo sul sito internet di Ticketone, che detiene l’esclusiva per il canale online dei principali eventi e mette in vendita i biglietti ai prezzi fissati dagli organizzatori per conto dell’artista. I biglietti risulterebbero invece disponibili, anche pochi minuti dopo l’apertura delle vendite, su altri siti...

Prezzi troppo alti per farmaci oncologici di Aspen - 14/10/2016

L'Autorità Antitrust ha multato per oltre 5 milioni di euro Aspen per aver fissato prezzi troppo alti (fino a +1.500%!) per farmaci salvavita per pazienti oncoematologici. Si tratta di prodotti a base dei principi attivi clorambucile, melfalan, mercaptopurina e tioguanina, nei quali è presente la sola Aspen con i cosiddetti farmaci Cosmos, ovvero le specialità medicinali denominate Leukeran (clorambucile), Alkeran - in formulazione iniettabile e in compresse – (melfalan), Purinethol (mercaptopurina) e...

Cartello sui mutui nelle province di Bolzano e di Trento - 04/03/2016

L’Autorità Antitrust ha sanzionato alcuni istituti di credito, della Federazione Cooperative Raiffeisen e della Federazione Trentina della Cooperazione, per due distinte intese anti-concorrenziali nel mercato degli impieghi alle famiglie, attuate rispettivamente nelle province di Bolzano e di Trento.La Federazione Cooperative Raiffeisen e 14 Casse Raiffeisen (Cassa Rurale di Bolzano, Casse Raiffeisen di Brunico, Lana, Valle Isarco, Merano, Castelrotto-Ortisei, Oltradige, Lagundo, Wipptal, Tures Aurina, Prato-Tubre, Nova...

Ecco le clausole vessatorie di PayPal - 03/03/2016

PayPal hadovuto moficare alcune clausole contrattuali considerate "vessatorie". In particolare:1) la clausola sul mancato utilizzo del Programma Protezione Acquisti (PPA) per oggetto "Notevolmente non conforme alla descrizione": questa è stata considerata vessatoria in quanto in grado di limitare l’applicazione dei rimborsi garantiti da PayPal in caso di consegna di un bene difforme dalla descrizione;2) le clausole sulla legislazione applicabile e la...

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.